Fisiodinamica

La fisiodinamica è un programma di allenamento che ha lo scopo di ripristinare la biomeccanica funzionale del proprio corpo, prendendo coscienza dell’atteggiamento posturale in atto e del movimento in grado di produrlo, ricercando e riconquistando successivamente il più armonico bilanciamento posturale. Tutto questo attraverso l’utilizzo del peso del proprio corpo, di piccoli attrezzi e della forza di gravità come resistenza per migliorare l’ampiezza e la capacità articolare.

L’allineamento ideale del corpo dovrebbe essere mantenuto sia nelle posizioni statiche che dinamiche, invece succede spesso che venga perso.

Gli elementi che compongono il corpo si influenzano reciprocamente. Ogni alterazione locale, muscolare, articolare, circolatoria, viscerale  si ripercuote sull’insieme funzionale e prende il nome di compenso. Di conseguenza le articolazioni non allineate si muoveranno attraverso traiettorie non corrette, alterando la normale mobilità articolare. Se i movimenti sono alterati, anche la funzione risulta tale generando una disfunzione. Se i movimenti sono disfunzionali il rischio è che alcune parti si logorino generando dolore o innescando patologie.

Il corpo crea perciò una corazza rigida di muscoli, tendini, legamenti che ci viene segnalata attraverso blocchi, chiamati contratture, o attraverso movimenti articolari di dimensione ridotta. Un lavoro mirato al  miglioramento della postura è trasferibile alle attività lavorative, ludiche e sportive migliorando di fatto la qualità della vita.

La fisiodinamica è indicata per la prevenzione di malattie muscolo scheletriche e nel caso di patologie, sintomatologie, recupero da infortuni e da postumi di interventi chirurgici riguardanti il rachide, gli arti superiori ed inferiori.

L’obiettivo principale è fornire protocolli di lezione in grado di garantire risultati inerenti:

  • il miglioramento dell’elasticità muscolare;
  • il mantenimento della mobilità articolare;
  • lo scioglimento delle tensioni della muscolatura cervicale, dorsale e lombare;
  • il riequilibrio del cingolo scapolo omerale e del cingolo pelvico;
  • il riequilibrio delle curve fisiologiche della colonna vertebrale;
  • il miglioramento della percezione corporea;
  • l’eliminazione della tensione emotiva.